I buttindéntro

Camminando per Lucca oggi mi sono imbattuta nella seguente scenetta.

Luogo: nei pressi di un baretto dove fanno panini sgrausi per turisti affamati.

Personaggi: il venerando padrone del baretto, l’acerbo piccolo aiutante.

Svolgimento della trama:

” Guarda, devi fare così! Devi metterci più enfasi!” diceva Venerando trascinando Acerbo per un braccio.

“Ah, ok, forse non avevo capito” rispondeva Acerbo in preda ai fuochi della vergogna, cercando di nascondere la testa nella maglietta.

“Guarda come si fa! Gud ivenneeennn, du iu gled tu it? cam cam!!!” diceva Venerando gesticolando con bracciate degne di un parcheggiatore di aerei all’ormai sottoterra Acerbo, sfoderando una dentatura che già da sola riusciva ad indicare l’ingresso del baretto.

Non avevo mai assistito a una lezione di buttindéntro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...