il NON-pollice verde diventato un FORSE-pollicino verdino

Io e le piante abbiamo litigato da piccole. Tutte le piante. Anche le più resistenti, anche le piante parassita, con me, hanno vita dubbia e breve.

Ricordo una volta, da bambina, a S.Zita (qui a Lucca è ricorrenza festeggiarla, e per l’occasione c’è un meraviglioso mercato di fiori e piante) presi una bella piantina di margheritone bianche. La portai a casa, la piantai in giardino, aspettai che crescesse, che mettesse i fiori e poi…la potai.

Sul più bello, quando era tutta tempestata di fiori che fiduciosi guardavano il cielo, la potai…

Morì.

Decisi che il giardinaggio non faceva per me. In compenso però ho sempre avuto il pollice-dolce. Quello sì. Adoro fare i dolci, e i dolci adorano me. Diciamo che in generale, in cucina, me la cavo.

Ed ecco che allora, forse,  si spiega l’arcano.

In questa corte di Lucca drento c’è un terrazzino, dove abbiamo collocato piantine di erbe aromatiche quali basilico, prezzemolo,  menta, rosmarino, peperoncino giallo cheyenne e peperoncino arlecchino.

Le suddette piantine sono rigogliose e si fidano di me, di colei che uccise, tempo fa, le margheritone di S.Zita.

Forse avendo unito la cucina al giardinaggio ho trovato un connubio per cui posso dire che “YES, I CAN”, anche io posso avere delle piantine vive sul terrazzo?

Le smargiasse piantine

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...