Vacanze romane

Vivere 2 giorni sui colli romani ed avere il lusso di prendere l’autobus e di essere a Roma in 45 minuti mi ha corroborato decisamente. Anticoli è un paesino abbarbicato a qualche km dalla capitale su un freschissimo colle che nell’afa di agosto è stato un toccasana. Tutti si conoscono, si salutano e sanno tutti i movimenti di tutti, anche dei gatti. Anche a Lucca è così, nelle campagne. La differenza è che qui le informazioni diventano pettegolezzi cattivi e veleno per l’anima. A Roma no (o almeno, così sembrerebbe).

Io e la mia ala di gabbiamo, in questi 2 giorni romani, siamo riusciti a vedere cose che voi umani ecc. ecc.

Mi spiego meglio. Roma l’avevo già vista. Sempre per periodi brevi,va bene,  ma ‘nzomma il colosseo, i fori, e la fontana di trevi, e il pantheon e tutte qeste cose super famose le avevo viste. L’onta delle onte che gravava sulla mia coscienza era il non aver MAI visto il Vaticano! Ecco che allora (dopo aver mangiato una squisita granita al caffè e panna a “la casa del caffè” vicino al pantheon) decidiamo di andare alla basilica di S.Pietro. Arriviamo e il colonnato del Bernini già mi lascia senza fiato… avrei voluto abbracciare ogni colonna, ma penso che magari poi la mia prossiam visita sarebbe stata quella di uno psichiatra romano, e desisto. Alla vista della fila per entrare nell’epicentro della cristianità, poi, mi viene Guasi da piangere. Ma vedendo che la fila scorreva bene, ci guardiamo e “che si fa? Si prova?”

“Sì”

Ed ecco che dopo circa 10 minuti siamo dentro. E vedo ciò che da tempo volevo vedere: La Pietà. Michelangelo.

Così, su due piedi, decido che se mai avrò un figlio, lo chiamerò Michelangelo.

E poi TA-DAAA’!!! Il colpo di genio della sottoscritta, che candidamente se ne esce con un “perché non andiamo ai musei vaticani??? : DDD”

“Ma sei matta? Ci sarà una super fila di un km!!!”

“Proviamo, no???, se c’è troppa fila ce ne andiamo : DDD”

Avevamo 2 persone davanti. Giuro. Zero fila, zero menate. 15 euri di biglietto, e via! alcuni ci hanno tolto il saluto, per questo!

Nell’arco di tutta la mia vita ho visto ennemila musei, che come già accennavo in un post precedente, sono stati l’unica valida medicina alle situazioni più tristi in cui mi sono trovata. Moma, ermitage, louvre, guggenheim…

I musei vaticani sono Altro. Il percorso che porta alla Cappella Sistina è un percorso intimo e non ha eguali. E trovarsi di fronte al giudizio universale è disarmante, e paradossalmente ti porta a provare una specie di pessimismo cosmico leopardiano per cui ti senti un niente in confronto a ciò che stai vedendo.

Usciamo e in estasi ci accingiamo verso l’autobus, felici.

Ma sono solo le 17 e 30. Grazie ad un amico di blog (unspoken words) che mi aveva segnalato come unica la cripta dei cappuccini, decidiamo di andare in metro fino a via veneto. Entriamo (ingresso 1 euro) e ci si presenta davanti agli occhi ciò che la nostra natura mortale aborra: decorazioni, altari, lampadari, statue, tutto fatto completamente di OSSA UMANE, per la precisione ossa di frati francescani, che ritenevano il corpo umano una mera veste al tesoro dell’anima.

" voi siete ciò che noi eravamo, noi siamo ciò che voi sarete".

La sera Anticoli ci accoglie con una trattoria a conduzione familiare e una luce color ocra.

In programma per il giorno seguente c’era Villa Adriana.

Villa Adriana si trova in quel di Tivoli. Villa Adriana, sotto il sole delle 11 e 30 di agosto è un inferno sotto forma di rovine romane. Villa Adriana è qualcosa di imperdibile, e la fatica che si fa è ampiamente ripagata dalla magnificenza da cui si è immancabilmente rapiti: dallo splendore del Canapo, alla maestosità degli ulivi secolari che fanno da cornice al canto incessante delle cicale.

Essere a Tivoli e non andare a vedere villa d’Este ci sembrava assurdo. A Villa d’Este, dove l’acqua gioca col cielo, col mito, coi labirinti e le “caverne”, la sottoscritta infila la testa sotto l’acqua.  Sono abituata al freddo russo, io, mica al caldo torrido romano!

Sulla strada per Lucca, ancora discutiamo delle bellezze viste, delle sensazioni provate, dei futuri viaggi…

3 thoughts on “Vacanze romane

  1. Mr.Loto scrive:

    Bel “reportage” esaustivo ed allo stesso tempo semplice e scorrevole; devo dire che le foto che hai postato sono molto belle, tutte accomunate da una “luce” simile che nell’insieme creano l’atmosfera giusta.

  2. cioccolove scrive:

    Grazie🙂
    avrei potuto scrivere tantissimo su questa mini vacanzina. Solo i musei vaticani, per esempio, potrebbero prendermi tranquillamente 10 o 15 post. Non ho accennato, qui, alle stanze di Raffaello, ai giardini, alla scala elicoidale che porta all’uscita dal museo…
    Questa in effetti, come dici tu, è una piccola e molto concisa summa di una bellissima esperienza.🙂

  3. unspokenwords1974 scrive:

    Grazie per la citazione. Sono contento nel leggere che le tue “mini vacanze” romane siano andate alla grande e forse sopra le tue aspettative. P.S.: Mi piace come scrivi, mi piacerebbe avere il tempo di scrivere tanto anche nel mio blog come fai tu. E’ sempre un piacere leggerti. Un abbraccio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...