Uomo in Frack

Bruno Vallarin -Uomo in frack-

Sera. Rose appena colte sul tavolo di cucina; una tovaglia a quadri rossi e bianchi; una bottiglia di vino, musica Jazz e fuori la mia città fra le braccia di un signore in frack.

Affacciarsi alla finestra, vedere i riflessi delle luci sulla strada di pietre consumate e lucide. Rumori di tacchi ed echi di risate, chiacchiere, litigi, bivi.

Pasta. Pasta al forno.

Luce calda ed arancione. Ricordo di un connubio blu.

Essere a casa è come ricevere un tenero bacio sulla fronte.

Io amo l’Italia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...